Bull e Bear, il Toro e l'Orso!

Bull e Bear sono da tradizionalmente i simboli del buono o cattivo andamento dei titoli azionari. L'origine del termine inglese deriva dai movimenti tipici dei due animali: "Bull Market" significa che il mercato sale e viene quindi paragonato all'incornata vincente del toro. "Bear Market" indica invece la discesa del mercato, in somiglianza alla zampata di un orso.

Per chi desideri inoltrarsi nel cammino delicato delle previsioni di mercato una tappa importante è rappresentata dall’analisi delle date di costituzione delle principali Borse, a principiare dalla madre di tutte le medesime, il colosso americano di Wall Street.

Può sorprendere i neofiti, ma certamente non gli attenti studiosi di Astrologia il fatto che quando la Borsa va bene si dice che è Toro: si tratta del segno delle finanze per definizione, vi hanno visto la luce la Borsa di New York, il 17 maggio 1792; quella di Londra, il 18 maggio 1801, e quella di Tokyo, il 15 maggio 1878.

Meno facile conoscere l’ora esatta dell’apertura delle quotazioni, che varia per lo più con il variare delle fonti, per questo motivo non va mai considerata come fattore basilare dell’analisi eseguita. Questo fatto limita a volte la portata del lavoro astrologico che può essere eseguito, in quanto riduce l’attendibilità delle posizioni nelle Case. Vi ricordo però che i Transiti dei pianeti funzionano comunque nei confronti delle differenti configurazioni presenti nel momento in cui le strutture borsistiche hanno visto la luce!

 

 

 

Ultima modifica ilVenerdì, 02 Dicembre 2016 07:19
(0 Voti)
Letto 1107 volte

Altro in questa categoria:

New York Stock Exchange »

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.